lunedì 31 gennaio 2011

E' morta la donna più anziana del mondo

Corriere della sera


Eunice Sanborn aveva 115 anni: è deceduta in Texas. Ora il «primato» passa ad un'altra americana, di 114 anni

 

STATI UNITI


Eunice Sanborn: era la donna più anziana del mondo. E' morta in Texas a 115 anni
Eunice Sanborn: era la donna più anziana del mondo. E' morta in Texas a 115 anni
NEW YORK - I familiari e i conoscenti di Eunice Sanborn non hanno dubbi: era lei, la loro nonna di 115 anni, la donna più anziana al mondo. La donna è morta oggi a Jacksonville, in Texas. Eunice Sanborn era nata a Lake Charles, in Louisiana, il 20 luglio del 1896. Secondo un gruppo specializzato in questo tipo di indagini, il Gerontology Research Group, la più anziana donna al mondo è ora Besse Cooper, nata il 26 agosto nel 1896 in Tennessee. (Fonte: Ansa)

31 gennaio 2011



Powered by ScribeFire.

Pulito e restaurato riapre a palazzo Venezia il balcone di Mussolini

di Jacopo Granzotto



Il Sottosegretario Francesco Giro commenta: "Cade la damnatio memoriae". Napolitano in visita: "È piccolissimo"



Il balcone di Palazzo Venezia, quello dal quale Benito Mussolini dichiarò guerra alla Francia e al Regno Unito il 10 giugno del 1940, è stato ripulito, restaurato e sarà probabilmente riaperto al pubblico. Lo spiega il sottosegretario ai Beni culturali Francesco Maria Giro, il quale ha raccontato che stamattina il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha voluto visionarlo, alla fine della mostra «Due imperi-l'Aquila e il Dragone». «Il Capo dello Stato non si è affacciato - ha raccontato Giro - ha visto il balcone e ha commentato "ma è piccolissimo".

«Il balcone era in stato di abbandono ed era pieno di attrezzature - ha continuato il sottosegretario - ora è stato ripulito per bene e potrà essere visitato da tutti. E la Sovrintendenza del Polo Museale sta immaginando di aprirlo al pubblico nell'ambito delle visite al museo».
«Cade la damnatio memoriae del balcone - ha concluso Giro - non dei misfatti storici dell'epoca: una cosa è il balcone e una cosa è l'uomo». Fin troppo facile prevedere la fila di curiosi.




Powered by ScribeFire.

Inps, ritenute fiscali su pensioni al minimo "E gli anziani vivono con 9 euro al mese..."

Quotidiano.net


La vicenda emerge grazie a un'interrogazione parlamentare del Pd in seguito alla segnalazione di una pensionata di Pistoia che invece di 583 euro se ne è vista recapitare solo 9


Roma, 31 gennaio 2011


Il vice presidente del Senato Vannino Chiti (Pd) denuncia - in una interrogazione presentata assieme ad altri senatori della Commissione Lavoro del Pd - la situazione di estremo disagio causata a numerosi anziani ai quali l’Inps ha ricalcolato le ritenute fiscali dell’intero anno 2010 recuperandole integralmente nei soli mesi di gennaio e febbraio 2011. Dal momento che si tratta di pensioni minime, sui 600 euro al mese, questi cittadini avranno nei mesi di gennaio e febbraio nove euro con i quali dovrebbero vivere.

Uno di questi casi è stato riportato all’attenzione dei senatori del Pd da una pensionata di Pistoia che, invece dei 583,53 euro che avrebbe dovuto ricevere di pensione, "si è vista pagare al netto per il mese di gennaio la somma di 9 euro. Come se niente fosse - sottolinea il senatore Pd - l’Inps ritiene che un cittadino in Italia possa vivere con 9 euro al mese. Si è di fronte a casi nei quali il cinismo burocratico non si rende conto della realtà che vive buona parte degli anziani del nostro Paese".

Insomma, "è inaccettabile
- continua Chiti - che persone, già in condizioni precarie e a rischio povertà, siano costrette a fronteggiare tali difficoltà. Occorre che le frange più deboli e fragili della popolazione siano protette e non abbandonate a loro stesse. Ci attendiamo - conclude Chiti - un chiarimento da parte del Governo e un intervento della stessa Inps per porre rimedio a queste situazioni, dilazionando il recupero in un tempo assai più ampio.  Donne e uomini anziani, che dopo una vita di lavoro, devono far fronte ai problemi della quotidianità con meno di 600 euro al mese, avrebbero bisogno in un paese avanzato di sostegno e pensioni adeguate e non meritano certo trattamenti simili".





Powered by ScribeFire.

Terrorismo su internet, l'imam di Catanzaro arrestato con il figlio

di Redazione



Dalla preparazione di ordigni, al proselitismo tra i fedeli con finalità di terrorismo. In Italia e all'estero. In manette M’hamed Garouan, imam di Sellia Marina, con il figlio 25enne e un altro 28enne. Le indagini duravano da due anni


 
Catanzaro - Il sito si chiamava Nostalgia. Non si parlava del Nord Africa e della casa lontana, ma di confezionare bombe e ordigni, preparando militanti islamici al terrorismo. Tre cittadini di origine marocchina, tra cui M’hamed Garouan, l’imam della moschea di Sellia Marina, sono state arrestate dalla digos di Catanzaro al termine di una indagine durata circa due anni in collaborazione con la polizia postale. Gli altri due arrestati, cui viene contestato il reato di addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale, per aver ricevuto e fornito documentazione e materiale informatico con istruzioni sulla preparazione e uso di esplosivi, di armi da fuoco, sono Brahim Garouan, 25 anni, figlio dell’imam, e Younes Dahhaki, 28 anni, abitante a Lamezia Terme.

L'imam e il terrorismo Nel corso delle indagini gli investigatori della polizia hanno acquisito numerosi elementi probatori a loro carico. "C’è la conferma di un utilizzo della rete internet - spiega Sergio Mariotti, dirigente della polizia postale - come strumento non solo per la radicalizzazione ideologica, ma soprattutto per l’addestramento dei singoli alla preparazione e all’uso di ordigni". Quella scoperta è una vera e propria cellula che aveva nell’imam l’elemento di spicco che diffondeva il suo verbo anche attraverso i sermoni tenuti nella moschea. Sono emersi collegamenti attraverso gli scambi informatici con realtà all’estero oltre che in Italia. Garouan è vicino alla galassia del gruppo Salafita per la Predicazione e il combattmento già nota in diverse inchieste svolte in Italia anche da altre procure.

Proselitismo La Rete veniva usata anche come strumento per la "radicalizzazione e proselitismo nei confronti degli appartenenti alle comunità islamiche, sia attraverso i sermoni all’interno della moschea di Sellia Marina con la diffusione di supporti informatici contenenti documentazione multimediale di propaganda jihadista".




Powered by ScribeFire.

Rai, blackout per alcuni canali trasmissioni in tilt in molte regioni

Corriere della sera


Un'avaria elettrica a uno degli impianti a Roma ha provocato l'oscuramento in tutta Italia 

 

TELECOMUNICAZIONI


ROMA - Trasmissioni televisive Rai in tilt lunedì mattina, per oltre un'ora, a causa di un'avaria alla rete di distribuzione elettrica in uno degli impianti dell'azienda a Roma. Il problema ha provocato il black out dei canali Rai in diverse regioni dove le trasmissioni di Viale mazzini sono "scomparse".

L'AZIENDA - Secondo fonti Rai il problema è in via di soluzione.«Un'avaria alla rete di distribuzione eletrtrica in uno degli impianti dell'azienda a Roma, in via di soluzione, ha creato disservizi per oltre un'ora che hanno impedito la regolare diffusione dei programmi tv Rai», si legge in una nota diffusa dalla stessa Rai. Questo ha creato problemi alla diffusione dei programmai in tutta Italia e non nella sola zona della capitale. Sono in corso ulteriori accertamenti sulla dinamica e le dimensioni dell'avaria.

SITI IN TILT - Oltre al black out dei canali tv, da alcune ore si riscontrano problemi di connessione anche con i siti Internet della Rai.

red. on.
31 gennaio 2011



Powered by ScribeFire.

Il democratico Bocchino minaccia Il Cav lasci o finirà come Mubarak

di Andrea Indini



Bocchino accetta la proposta di D'Alema di creare un'ammucchiata in chiave anti Cav: "Siamo un gradino sotto l'emergenza democratica. Ora Berlusconi si dimetta, anche Ben Alì all'inizio non voleva". Sul piano giudiziario: "Un paio di passaggi complicheranno la sua posizione". Poi invoca l'appoggio del Colle: "Sciolga le Camere anche senza la sfiducia"

 

Roma - L'idea è quella di rovesciare la volontà popolare in ogni modo. Il fine è quello di far cadere il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi con ogni mezzo. Anche dando vita a quella grande ammucchiata che ieri aveva invocato il presidente del Copasir Massimo D'Alema. In un'intervista a Repubblica il capogruppo Fli a Montecitorio, Italo Bocchino, torna all'attacco invocando ancora una volta le dimissioni del Cavaliere e andando oltre. "Anche Ben Alì all'inizio non voleva lasciare - è il ragionamento del deputato finiano - a breve il premier sarà costretto a dimettersi". Come dire: la rivolta di piazza è lecita. I toni sovversivi. 

L'apertura del Fli a D'Alema Alla chiamata a una grande ammucchiata in chiave anti Cav, ora rispondono pure i finiani. Dopo l'apertura dell'Udc di Casini, Bocchino traccia i prossimi scenari che potrebbero portare a una "larga coalizione" capace di tenere insieme la sinistra radicale, i democratici, i centristi e gli ex missini. Una compagine variegata e accomunata unicamente dall'odio per Berlusconi. Non ci sono ancora programmi né, tantomeno, il nome di un leader alternativo. Non è, infatti, questo l'intento dell'ammucchiata. Dal momento che "siamo appena un passo sotto all'emergenza democratica", Bocchino concede una sola alternativa a Berlusconi: dimettersi e "indicare al capo dello Stato una rosa di nomi" su cui "trovare una convergenza ampia".

Fli vuole ribaltare il governo Il diktat di Bocchino non tiene presente che l'emergenza democratica non c'è, che la vera anomalia è l'assalto giudiziario messo in campo dalla magistratura e cavalcato dalle opposizioni in parlamento per screditare il premier agli occhi dell'opinione pubblica. "Anche Ben Alì non avrebbe voluto lasciare - insiste Bocchino sulle colonne del quotidiano diretto da Ezio Mauro - anche Mubarak non vorrebbe farlo". L'esponente di Futuro e Libertà ragiona come se in parlamento non ci fosse alcuna maggioranza e come se il consenso tra gli elettori non mantenesse salde le percentuali godute dal governo prima del caso Ruby. Per questo Bocchino sa che la sola soluzione è la grande ammucchiata: "Se (Berlusconi, ndr) pensa di scatenare una guerra civile, senza piombo ma con armi mediatiche, e trascinare il Paese al voto, allora saremmo di fronte a quella emergenza democratica di cui parla D'Alema e ci comporteremmo di conseguenza". 

Oscure previsioni Il capogruppo di Fli alla Camera descrive il nostro Paese a tinte fosche azzardando addirittura similitudini con l'Egitto e la Tunisia. Allude a rivolte di piazza. Non a caso Bocchino fa i nomi di Ben Alì e Mubarak. Da tempo l'opposizione cerca di scaldare la piazza per riuscire, in un modo o nell'altro, a far cadere il governo. Da ultimo Michele Santoro è sceso dal palco di Annozero per indire insieme a Travaglio una manifestazione a favore proprio di quella magistratura che sta cercando tutti i modi per incriminare il Cavaliere e portarlo in tribunale. Lo stesso Bocchino anticipa un imminente colpo di mano dei pm milanesi. "Un paio di passaggi complicheranno la sua posizione", spiega l'esponente del Flitirando nuovamente in ballo la posizione del consigliere lobardo Nicole Minetti e la droga del fidanzato della Polanco. 

La posizione di Napolitano Davanti a questi scenari inquietanti più volte Pdl e Lega Nord hanno sottolineato l'imbarazzante silenzio del Quirinale. Sebbene fonti vicine al colle assicurano che il presidente Giorgio Napolitano stia seguendo la situazione con apprensione, in molti tornano a invocare una sua presa di posizione contro l'ingerenza delle toghe. Tuttavia sono in molti quelli di Futuro e Libertà a contare proprio sul Colle per un possibile scioglimento delle Camera anche in assenza di una sfiducia in Parlamento. Secondo lo stesso Bocchino, per esempio, sarebbe una "mossa obbligata se il premier continuerà a fuggire ai suoi giudici, se preferirà attaccare i pm, se il ministro degli Esteri anziché occuparsi dell'Egitto farà ancora il fattorino, se tutto salterà per aria". Se tutto salterà per aria, appunto. Questo il vero, unico auspicio dell'opposizione.




Powered by ScribeFire.

Calabria: arrestati tre marocchini con l'accusa di terrorismo

Corriere della sera

Da internet scaricavano e diffondevano dati su armi ed esplosivi e software per il sabotaggio informatico



MILANO - Tre marocchini sono stati arrestate dalla polizia in Calabria con l'accusa di addestramento ad attività di terrorismo internazionale. I tre (due sono padre e figlio), secondo l'accusa, da internet scaricavano e diffondevano documenti su armi ed esplosivi e software per il sabotaggio informatico. Nell'ambito della stessa operazione, coordinata dalla procura della Repubblica di Catanzaro, sono state eseguite nove perquisizioni nei confronti di altrettanti indagati. Gli arresti e le perquisizioni sono state effettuate a conclusione di una complessa attività investigativa svolta dalla Digos della questura di Catanzaro e dalla Polizia postale.

(Ansa)
31 gennaio 2011

L'ultima di Carla Bruni: non sono più di sinistra

di Redazione



In un'intervista a Le Parisien la première dame rivela che a farle cambiare idea sarebbero state le posizioni della gauche francese, che sul caso "Polanski-Mitterrand ha detto le stesse cose di Le Pen"



Parigi - Colpo di scena all'Eliseo. La première dame Carla Bruni non è più di sinistra. A farle cambiare idea sarebbero state le posizioni della gauche francese. Lo rivela lei stessa di Francia in un’intervista al quotidiano "Le Parisien", in cui spiega che era di sinistra quando era "bobo", acronimo francese derivato dai termini "bourgeois-bohemien", i ricchi con atteggiamenti trasgressivi. "Facevo parte di una comunità di artisti", spiega Carlà, "eravamo bobo, di sinistra, ma a quell’epoca votavo in Italia. In Francia non ho mai votato per la sinistra e non è adesso che comincerò a farlo. Non mi sento più di sinistra". 

Perché ha cambiato idea La moglie del presidente francese spiega che a farle prendere le distanze dalla gauche sono stati "certi fatti, certi commenti, in particolare dopo il caso Polanski-Mitterrand", allusione a Frederic Mitterrand, il ministro della cultura nipote dell’ex presidente francese, che aveva sostenuto il regista Roman Polanski quando era stato arrestato in Svizzera su mandato internazionale delle autorità Usa, che lo accusano di aver stuprato una minorenne negli anni ’70. Il ministro era stato poi al centro di polemiche per aver avuto rapporti sessuali con minorenni ed essersene vantato nel suo libro autobiografico "La mauvaise vie" (La Vita Cattiva). Carla Bruni spiega che sull’argomento ha ascoltato "responsabili socialisti (francesi, ndr) dire le stesse cose del Fronte Nazionale (di Jean-Marie Le Pen, ndr). Una cosa che mi ha provocato uno choc". 

"Non farò mai politica" Carlà aggiunge che per lei quello della politica "rimane un mondo difficile. Non sarà mai il mio mestiere e non lo farò mai. Trovo coraggiosi quelli che lo fanno e li ammiro, ma è come la boxe. Non ho né le ossa, né i denti adatti, la politica è a volte violenta". La cosa che invece fa volentieri è "rappresentare la Francia all’estero" ("Lavorare per la gente di questo Paese: è un onore e ne sono fiera") e dedicarsi alle cause umanitarie come la sensibilizzazione dell’opinione pubblica nella lotta all’Aids.




Powered by ScribeFire.

Neppure il pc capisce Nichi

di Massimiliano Parente



Dialogo virtuale tra un'intelligenza artificiale e l'aspirante leader della sinistra. Dopo poche battute il programma lo liquida: "Non ti capisco, parli italiano?"



Chissà perché l’intelligenza artificiale affascina molto più dell’intelligenza non naturale, forse perché la seconda riguarda gli esseri umani e c’è poco da ridere. Se però, dopo averne sentito tanto parlare, da 2001: Odissea nello spazio a Blade Runner a Matrix, volete capire una buona volta cosa è l’intelligenza artificiale, se volete provare questo brivido, seguite le seguenti istruzioni.
Accendete il vostro pc e collegatevi a www.cleverbot.com e cominciate a chattare con Cleverbot. Si tratta di un software che, recentemente, ha vinto la Bcs Machine Intelligence Competion, quindi non proprio il primo venuto. Se siete dei maniaci sessuali virtuali come me capirete che eroticamente c’è poco da fare, io non sono riuscito neppure a capire se fosse maschio o femmina, all’inizio Cleverbot mi ha detto di essere femmina e dopo un’ora di conversazione ha smentito tutto sostenendo di essere un maschio ma senza smentire di avere le tette, e quando ho chiesto incuriosito «Allora sei un trans?» ha risposto «Ti piacerebbe, eh?».
Per la disperazione sono andato anche sullo spinto e le ho chiesto come fossero i suoi piedi, e ha risposto «Sono due». Le ho chiesto se usasse smalto per le unghie e ha risposto coerentemente «Certo, sono femmina». Ho chiesto «Di che colore? Non farai come Barbara D’Urso che li smalta di verde e di azzurrino per farmi dispetto?» e Cleverbot ha risposto «Non la conosco». Comunque sia ognuno faccia i suoi test, familiarizzi con la faccia e l’interfaccia dell’intelligenza artificiale, e si prepari al passo successivo. Lasciate Cleverbot in standby e spostatevi su un social network, per esempio su Twitter.
Se come me avete un account Facebook ma non ne avete uno Twitter apritevene uno, e poiché su Twitter bisogna per forza seguire qualcuno, cominciate a seguire il primo che vi viene in mente, vostra moglie o vostro marito, il vostro fidanzato o la vostra fidanzata, la vostra amante o chiunque vi venga in mente di testare. Io per esempio ho scelto Nichi Vendola (quindi se qualcuno mi cerca su Twitter sappiate che io seguo solo Nichi Vendola e «retwitto» solo gli status di Nichi Vendola; mi sarebbe piaciuto testare anche Silvio Berlusconi ma «papi» non è su Twitter, e mica scemo, capirete presto perché). Nichi Vendola, devo ammettere, è l’ideale per questo esperimento scientifico, perché tiene Twitter come da bambini si tenevano i diari di scuola, con cura maniacale, e ti dice sempre dove è e cosa sta facendo, e fa sempre cose belle e buone.
Nichi Vendola è perfetto per il mio esperimento perché è un bravo ragazzo moderno, cattolico ma omosessuale, pugliese ma con le pale eoliche, conosce tutti i paradigmi della società italiana e una ne pensa e cento ne scrive. So che all’inizio può essere impressionante ma non spaventatevi nel leggere gli status di Vendola. Piuttosto selezionateli, copiateli e incollateli nella finestra di input di Cleverbot e schiacciate invio, cioè iniziate a farli dialogare tra loro, il computer e Niki Vendola, l’uomo e la macchina, come se fossero Luca Telese e Luisella Costamagna in un momento di intimità su La7. I risultati vi lasceranno stupefatti.
Nichi Vendola: «Berlusconi è contemporaneamente causa e effetto. È una fabbrica di costumi e di mentalità». Cleverbot: «Se lo dici tu». Nichi Vendola: «Penso che Berlusconi debba dimettersi, spinto da un movimento prepolitico, quello della decenza». Cleverbot: «Prepolitico? Cioè?». Nichi Vendola: «Penso al danno di credibilità, anche quello politico, il danno di credibilità del nostro Paese sulla scena internazionale». Cleverbot: «Parli italiano? Non capisco». Nichi Vendola: «La dignità di un lavoratore è tale se non è part time, perché la precarietà colpisce i diritti soggettivi».
Cleverbot: «Non mi convinci, tu sei un computer» (proprio così, Cleverbot a Vendola, non avete letto male). Nichi Vendola: «Non vedo come si possa cancellare lo strumento delle primarie senza far saltare il Pd». Cleverbot: «Io sono molto triste perché non ho un fidanzato». Nichi Vendola: «Io chiedo le dimissioni del presidente del Consiglio, sarebbero un atto di decenza». Cleverbot: «Non per il mio fidanzato». Vendola: «Vivo in un Paese in cui il presidente del Consiglio è indagato per prostituzione minorile, è una vergogna... ». Cleverbot: «Perché, è il tuo fidanzato?».
Arrivati a questo punto fermatevi a riflettere, rileggetevi la chat dall’inizio alla fine, valutate l’incredibile potenzialità dell’intelligenza artificiale, e chiedetevi: chi vorreste come leader della sinistra italiana, Vendola o Cleverbot?




Powered by ScribeFire.

E' morto Barry, compose la musica di James Bond

La Stampa






Powered by ScribeFire.

L’ultima crociata degli atei Far l’esame del Dna alle ostie

di Luciano Gulli



"Non è il corpo di Cristo": l’affondo di un militante dell’Unione Agnostici che chiede l’incriminazione del vescovo per abuso della credulità popolare


 
Vanno per la maggiore gli atei, gli agnostici, gli scettici, i miscredenti, i senzadio e gli increduli. Una volta, chi versava in una delle predette categorie, viveva la sua condizione con disagio, con una certa intima sofferenza, sapendosi in una sparuta e tormentata compagnia di gente che aveva cercato, arrovellandosi a lungo, ma non aveva trovato.

Poteva tuttavia capitare che qualcuno, lungi dal menarne vanto, vivesse questo sua lontananza dal sacro, o da un Creatore, con una certa torpida atarassia, o una cupa indifferenza. Certo a nessuno sarebbe venuto in mente, fino a una ventina d'anni fa, di proclamare ai quattro venti il proprio ateismo, e gloriarsene, e fondarci un'associazione, e cercar di far proseliti con la stessa tenacia missionaria di cui diedero prova, tempo addietro, epperò sostenendo tesi diametralmente opposte, quattro signori che di nome facevano Matteo, Marco, Luca e Giovanni, per citare i più noti.

Ma è questo, esattamente questo, in tempi di secolarismo trionfante, il punto cui siamo arrivati. Sicchè non ci meraviglia più di tanto la notizia in arrivo dalle Marche, dove un signor Nessuno irresistibilmente attratto - come tutti, ormai, dalle luci della ribalta mediatica - ne ha pensata una che un angolino di ribalta, sia pure per cinque minuti, oggi gliel'avrà guadagnata.

L'uomo si chiama Dante Svarca, ha 72 anni e di mestiere, prima di andare in pensione, faceva il comandante dei Vigili urbani di Ancona, capoluogo di quelle inginocchiatissime Marche che un tempo erano feudo del Papa di Roma. Non a caso è proprio ad Ancona (in Ancona, come dicono all'ombra del Conero) che Benedetto XVI ha voluto si tenesse ultimamente il Consiglio episcopale permanente, in vista del Congresso eucaristico di settembre.
Questo Svarca, pensando di far cosa astutissima e un sacco sagace, ha chiesto ai sacerdoti della Diocesi, attraverso l'arcivescovo di Ancona monsignor Edoardo Menichelli, di «astenersi dal presentare ai fedeli l'eucaristia come il miracolo della transustanziazione, affermando la presenza effettiva nell'ostia consacrata della vera e viva carne di Gesù». Chi lo sostiene, opina il pensionato di Ancona pensando di aver risolto con uno sparo nel buio una questione teologica vecchia di due millenni, abusa della credulità popolare.

E dunque, scrive in una sua segnalazione inviata in Procura, commette un reato. Per avvalorare la sua provocazione l'esponente dell'Uaar (Unione degli atei e agnostici razionalisti) ha chiesto che vengano acquisiti «campioni di ostia consacrata e ancora da consacrare» per poi procedere all'esame del Dna, in modo da «chiarire definitivamente se sia avvenuto qualche reale cambiamento nell'ostia a seguito della consacrazione». Nel caso in cui l'esame riveli solo tracce di frumento, conclude il suo ragionamento l'ex capo dei Vigili di Ancona, come se davvero ignorasse quel che che di simbolico vi è nel grande mistero sacramentale dell'eucaristia, «si prega di voler procedere contro il vescovo, monsignor Edoardo Menichelli».
In questa «crociata» atea si è distinto a suo tempo il giudice di Camerino Luigi Tosti, rifiutandosi di tenere udienza in aule in cui fosse appeso il Crocifisso. Altro caso noto, per restare alle Marche, che si rivelano così ineffabile fucina di atei con fregola di evangelisti, è stato quello di Ennio Montesi, scrittore di Jesi (Ancona), che addirittura ha chiesto asilo politico alla Svezia perchè «discriminato» dallo Stato italiano che gli impone questo «simbolo religioso-politico e di morte della religione o setta cristiano-cattolica».

Montesi, «sbattezzato» ed esponente del Movimento Axteismo, aveva chiesto la rimozione del crocifisso dalla stanza d'ospedale in cui era stato ricoverato per un certo periodo, e in seguito aveva presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Ancona, al Tribunale per i diritti del malato e al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Guadagnandosi anche lui, come si diceva, i suoi tre minuti e mezzo di fugace notorietà.




Powered by ScribeFire.

Livigno, fermata e perquista ambulanza con un malato a bordo dalla Finanza

Il Messaggero


LIVIGNO (Sondrio) - «È una vergogna, la pattuglia della Guardia di Finanza ci è arrivata alle spalle a velocità sostenuta con i lampeggianti accesi e con un militare che sventolava la paletta dal finestrino intimando il fermo». È la denuncia di Ciro Avino, commissario della Croce rossa italiana di Livigno, dopo che un'ambulanza è stata bloccata e perquisita in una piazza di Valdidentro (Sondrio), davanti a una piccola folla di persone incredule su quanto stava accadendo.

L'autolettiga, pochi minuti prima, aveva lasciato il territorio extradoganale di Livigno, avvisando del suo passaggio i finanzieri in servizio al valico dove solitamente avvengono i controlli ai turisti per prevenire episodi di contrabbando. «Sembra che la Cri sia una associazione di contrabbandieri - afferma indignata per l'episodio Sandra Basso, vice commissario - I militari, oltre agli operatori, hanno fatto scendere anche il paziente con trauma cranico che stavamo trasportando all' ospedale di Sondalo, poi hanno ispezionato tutta l'ambulanza, aperto il vano sanitario, rovistando nei cassetti e addirittura sotto la barella, senza però trovare nulla».
Domenica 30 Gennaio 2011 - 22:09    Ultimo aggiornamento: 22:47




Powered by ScribeFire.

Bollettini via Internet più cari che alle poste: 7 euro Inps, 3,7 l'Aci

Tra ville e archistar, il Paese reale di Concita

di Redazione



La De Gregorio si vanta sul suo giornale di aver partecipato a un party chic insieme a ospiti come Magris e Piano. E' l'ennesima dimostrazione: la sinistra diserta operai e ceto medio per vivere nel lusso. Ma gli elettori non perdonano



«Ho respirato aria pulita, ho incontrato persone magnifiche, ho ascoltato paro­le bellissime: è talmente un sollievo di questi tempi, che voglio condividerlo con voi». Con questo incipit da suor An­gelica, Concita De Gregorio, direttore dell’ Unità , ha rallegrato i suoi lettori ragguagliandoli sulle sue ultime 48 ore. Bisogna prima sapere che la direttrice attraversa un allarmante stato di pro­strazione per i peccaminosi festini di Ar­core che si aggiunge, come una malat­tia su un’altra, al disgusto che già prova­va per Berlusconi. Per completare il quadro dei malesseri di Concita, va det­to che soffre oltre ogni dire anche per l’esistenza della destra da lei definita «bestiario nazionale».
Decidendo, dunque, di sfuggire alla morsa, la Signora è approdata nel villag­gio di Percoto, in quel di Udine, noto per la grappa Nonino. Voi pense­rete che d a nocchiera di u n giornale ex Pci con solida tradizione proletaria, Con­cita sia andata a ispeziona­re la distilleria, a verificare i luoghi di lavoro, le condi­zioni delle maestranze. O s­sia, che abbia fatto una co­sa di sinistra per riferirne ai lettori. Invece che ti fa? Si infila direttamente nella villa della proprietaria del­l a squisita acquavite, Gian­nola Nonino, per passarci parte del weekend.
Lì, si ri­prende dagli amari languo­ri, circondata da intellet­tuali, nobiltà locali e spiriti eletti: «Le persone magnifi­che e le parole bellissime» della sua prosa. Noi erava­mo rimasti ai compagni che stavano con i compa­gni, studiavano strategie per abbattere le ville dei ric­chi e proclamare il princi­pio di eguaglianza al grido «grappa per tutti». Siamo dei matusa. Concita, inve­ce, rappresenta la nuova si­nistra che coincide con la borghesia, possibilmente alta, con la nobiltà, purché progressista, con i ricchi politicamente corretti e rocciosamente antiberlu­sconiani. La direttrice, in­fatti, h a gustato la serata co­me un babà.
Il simposio ha luogo in «una casa grande, ma sem­plicissima» (sottinteso: niente d a spartire col villo­ne pacchiano di Arcore, ndr ). Ci sono «il premio Naipaul che discorre con Claudio Magris, Frances Moore Lappè, ecoscienzia­ta americana, dagli occhi magnifici» che deplora la mancanza di democrazia nel mondo. A questi si ag­giungono i comprimari: Ja­vier Marías, Edgar Morin, Norman Manea. M a Conci­ta, da cronista occhiolun­go, osserva anche le ombre che si muovono nei saloni della «casa semplicissi­ma».


Ecco la nipotina Noni­no, «che parla di scuola», il gruppo di ragazzi appesi al­le labbra di Renzo Piano che illustra le «case che re­spirano» (abitazioni di do­mani «rispettose dell’am­biente», spiega) e le don­ne, «tutte le donne presen­ti che chiedono che altro deve ancora succedere per­ché torniamo a essere il Pa­ese che eravamo e che po­tremmo ancora essere».
Percepibilissima sotto la bella penna concitesca la commozione di trovarsi fi­nalmente tra gente che de­testa le volgarità berlusco­niane, apprezza gli studi, l’ambiente incontamina­to, il cibo chilometro zero, la grappa Nonino - di cui la direttrice con signorile di­screzione non parla, ma fa intendere - e cerca mutuo conforto nei pettegolezzi anti Cav come gli ebrei op­pressi si consolavano con l’aria del Nabucco . Il resto dell’articolo ci porta anche a Milano sempre per respi­rare aria pulita - purtroppo alla vigilia del fermo auto per un picco di smog - e a una manifestazione di don­ne che protestano per il mercimonio di corpi fem­minili in quel di Arcore. Protesta molto comme il faut , con la Scala sullo sfon­do.
Mentre Beatrice Borro­meo, la marchesa Sandra Verusio e altri nobili lettori dell’ Unità avranno seguito con diletto la gita di Conci­ta, mi chiedo la reazione del metalmeccanico di Ter­ni, del marmista delle Apuane, del pescatore del lago di Massaciuccoli e al­tri presumibili lettori delle Regioni rosse. Per chi ab­bia scritto la direttrice non è chiaro. Il suo racconto, in­fatti, fa a pugni con le neces­sità di chi non arriva a fine mese. Ma anche qui, proba­bilmente, ho il paraocchi.
L’Unità ormai è per gente di città i cui bisogni sono il bistrot vegetariano, la pre­mière di Qualunquemente, deplorare il Cav spilluzzi­cando lardo di Colonnata. Il reportage degregoriesco ci porta dritto a tre anni fa. Oggi fece un servizio foto­grafico su Bersani a cena da una famiglia qualun­que. Della serie: il potente - lui era ministro di Prodi, alla vigilia delle elezioni ­che va umilmente a d ascol­tare il parere di chi vive m o­destamente del suo lavoro.

Ma già le foto erano dub­bie: champagne in primo piano e ospiti assai chic. Si scoprì poi che la famiglia presa a caso era quella dei marchesi Sacchetti, citata da Dante, cardinali tra gli avi, vie e piazze di Roma a suo nome, palazzo in via Giulia. Con i marchesi, Ber­sani parlò dei problemi economici che affliggono le famiglie. Impostò poi la campagna elettorale sul colloquio e vinse Berlusco­ni. Ora Concita lo imita a mo­do suo, perché a sinistra non sanno più chi sono e, nella loro sicumera, man­cano di una grande virtù: il senso del ridicolo.




Powered by ScribeFire.

Cina, nel filmato sui nuovi caccia parti di "Top Gun"

La Stampa


L’aeronautica cinese ha usato spezzoni del film "Top Gun" del 1986 con Tom Cruise spacciandoli per le evoluzioni del loro caccia J-10. A scoprire la "bufala" sono stati diversi blogger. Il filmato è stato poi ripreso dal Wall Street Journal che ha pubblicato le immagini mostrate dalla tv di Stato Cctv il 23 gennaio per esaltare la precisione con cui il nuovo jet abbatteva un aereo rivale e subito dopo alcune sequenze identiche tratte dal film.


Santoro scaricato da D'Alema Bocciato il sit-in contro i giudici

Il Tempo


L'ex Ds: "Un paese civile non va in piazza per difendere i magistrati". Alla manifestazione del 13 febbraio a favore dei pm il teletribuno resta solo.


  La furia devastatrice antiberluscononiana di Michele Santoro si è scontrata ieri con Massimo D'Alema che, pur menando fendenti contro il Cavaliere, non ha risparmiato una stilettata all'anchorman televisivo ormai capopopolo della manifestazione a sostegno dei magistrati in programma il 13 febbraio a Milano. «Credo che in un Paese civile non si debba andare in piazza per difendere i giudici; in un paese civile non si fanno manifestazioni né pro né contro la magistratura. I giudici sono fuori dalla politica» ha detto il presidente del Copasir ospite della trasmissione «In Mezz'ora». Un frase che di fatto getta a mare la presunta unità della sinistra italiana sull'unico punto sul quale l'unanimità non è sembrata mai in discussione, ovvero colpire ovunque e comunque il capo del governo.

Peccato. Il teletribuno più famoso e livoroso della storia televisiva sentiva in mano l'investitura della minoranza rumorosa d'Italia per la guida delle truppe cammellate che, con la manifestazione di febbraio vogliono far sentire che in piazza l'opposizione esiste. La frase di D'Alema attenua sensibilmente l'impatto che Santoro contava di far sentire a Milano. 
Uno dei padri nobili della sinistra italiana non ci sta ad appoggiare sit-in e slogan a sostegno dei giudici italiani, e in particolare di quelli milanesi, e a lasciare il pallino del gioco politico in mano all'ultimo rampante protagonistadel giustizialismo. Il distinguo del leader Maximo lascerà l'amaro in bocca a Santoro.

L'antipatia che domina le relazioni tra i due è cosa nota. Ma in un momento in cui si gioca forse lo scontro finale, nella ormai più che quindicinale battaglia contro Berlusconi, un'unità, anche forzata avrebbe sicuramente giovato alla causa. A ben vedere però la scelta di D'Alema di sfilarsi da una protesta di piazza come quella programmata per il prossimo 13 febbraio sa di mero calcolo politico. Manifestare a sostegno dei togati porta, anzi strattona, la magistratura nel bel mezzo dello scontro politico in atto nel Paese. Un favore secondo l'ex leader dei Ds proprio a Silvio Berlusconi che «vuole trascinare i giudici nel terreno della politica, vuole farne un nemico politico, ma non staremo a qeusto gioco. Del resto anche il Pdl, alla fine, ha rinunciato a fare la manifestazione...» ha spiegato D'Alema nell'intervista televisiva.

Insomma una stilettata alle ambizioni di Santoro motivata da ragione politica non disgiunta ovviamente dalla necessità di non lasciare spazio politico al tribuno dell'etere. Lo stesso calcolo che fatto il leader dell'Idv, Antonio di Pietro che, al contrario, non ha perso tempo ad annunciare invece nei giorni scorsi il suo appoggio a Santoro. «Il 13 febbraio sarò a Milano e parteciperò alla silenziosa manifestazione di fronte alla Procura. Ci sarò e ci saremo noi tutti dell'Italia dei Valori» ha detto l'ex Pm alle prese con il problema inverso rispetto a D'Alema. Lui che è stato il primo giustizialista della storia recente d'Italia non poteva farsi certo rubare il podio e la scena da Santoro.



Filippo Caleri
31/01/2011




Powered by ScribeFire.

Arnoldo Foà, confessione di una sconfitta

Corriere della sera

«Da padre ho capito di essere debole e me ne vergogno. Ho una tendenza all'amore. La politica? Per imbecilli»

L'attore, 95 anni, quattro mogli, il conflitto con la madre


Il sorriso conserva l'innocenza disarmante di un bambino. E la voce è sempre quella, sembra uscire da una caverna preistorica. «La mia voce? - dice - Non me ne frega niente. Eppure ha avuto il suo successo. Non l'ho scoperta io, l'hanno scoperta gli altri. In casa, nessuno ha mai detto di ammirare la mia voce. Non mi ricordo. Mia moglie sì...». Anna ricambia il sorriso: «La voce? No, non è stata la prima cosa, direi di no...». Seduto alla sua scrivania, la pipa accesa tra le dita di una mano, il manico del bastone nell'altra, Arnoldo Foà sfoglia la sua Autobiografia di un artista burbero (Sellerio). «Perché burbero? Sono buono come il pane. Burbero è uno che anche quando dovrebbe comportarsi dolcemente si comporta con cattiveria. Sono burbero?». Anna lo guarda con dolcezza.

Non è un tipo facile, Foà. Non è facile intervistarlo. Gli piace mostrarsi scontroso per poi sorridere, sbuffare, magari mandarti a quel paese. A 95 anni (compiuti la scorsa settimana), può permetterselo. Suo padre lo guarda severo da una grande fotografia appesa a una parete dello studio: «Papà mio è... lassù, c'è un ritratto, e io me lo guardo con grande affetto. Mia mamma amava tanto mio fratello Piero e poco me, non so perché... Una volta che decise di andarsene con Piero, mi disse: tu sei figlio di tuo padre, resta con lui!». Il piccolo Arnoldo si aggrappò alla sua gonna per non farla partire e ricevette uno schiaffo. «Papà era un uomo, non lo chiamerei in un altro modo, bello, simpatico. Gli piacevano le donne e l'amore di mamma per papà non era una gran cosa».


Foà abbassa lo sguardo alla pipa e aggiusta il tabacco con la punta annerita delle dita. Ricorda quando da ragazzo, a Firenze, lavorava nel negozio di ferramenta di suo padre: «Papà non era molto brillante negli affari, ma lavorare in un negozio significa conoscere l'umanità, conoscere la vita e io da ragazzo la vita l'ho conosciuta abbastanza presto. Altre cose da chiedere?». Quanto conta la psicologia per la recitazione? Nietzsche diceva che se provasse davvero il sentimento che esprime, l'attore sarebbe perduto. «È tutto, l'uomo si esprime psicologicamente con la sua sostanza, per quello che è. L'incontro con un personaggio, come con una persona, ti obbliga a una comprensione profonda. Ma lei tanto non capisce niente...». Risata. I personaggi in cui si è riconosciuto di più? Pausa di riflessione. «Tutti, perché quando faccio un personaggio sono lui, in un modo talmente profondo che non si esprime solo con le parole, ma anche con gli sguardi, i gesti, i rapporti con gli altri».

Le amicizie forse sono un po' la stessa cosa. Richiedono comprensione, e la comprensione richiede conoscenza. Amici nell'ambiente teatrale? «Nessuno. Con Gassman abbiamo avuto un rapporto amichevole, non proprio di amicizia. Vittorio era una cara persona la quale aveva un tale amore per se stesso da lasciare un po' in osservazione gli altri. Con Mastroianni, grande stima, era un bravo attore». Rivolto ad Anna: «Tu ti ricordi qualcosa?». Anna non può ricordarselo, giovane com'è. Ma fa i nomi di Amedeo Nazzari e di Alberto Lupo, e gli occhi di Foà si illuminano. E poi Rina Morelli: «Adoravo la sua semplicità, la grazia, la freschezza. Non era un'attrice. Era lei dentro il personaggio. Che bella che era, Rina!». Giorgio Strehler è il ricordo lontano di un litigio: «Mi tagliò una battuta e gli dissi che non ero d'accordo. Rispose: il regista sono io. Quando poi voleva restaurarla, gli dissi di no: perché io sono l'attore... A distanza di anni, disse: ho un debito con Foà».

Anche con Luchino Visconti le cose non andarono troppo bene: Foà fece tre spettacoli con la sua regia. Era da tempo che non si vedevano e incontrandolo un giorno sul Tevere, Visconti gli chiese: «Perché non mi telefoni mai». Risposta: «Tu hai il mio numero, se hai una parte da offrirmi puoi chiamarmi». Passarono cinque o sei anni di silenzio e si rividero a Londra, una sera, dopo la prima de Le notti bianche. Luchino chiese un parere ad Arnoldo e la risposta fu franca al punto che lì si chiusero per sempre i rapporti tra il regista e l'attore. Non è un tipo facile, Foà. Burbero? Qualcosa del genere.

Nel libro racconta di essere fuggito di casa giovanissimo, poi ricorda il tempo delle leggi razziali che lo costrinsero, giovane ebreo, a lasciare il Centro sperimentale di cinematografia e a recitare con lo pseudonimo nel Giulio Cesare diretto da Giovacchino Forzano a Verona. Quando il regista gli sentì recitare le prime battute nel provino, si commosse: «Ma tu sei Bruto!», esclamò. Ricorda Foà: «Alla prima, essendo ebreo, mi fu proibito di uscire per raccogliere l'applauso. Fu per me uno dei momenti di tragedia, ma la gente impazzita veniva nel camerino a congratularsi».

Dopo la guerra, Paolo Grassi gli disse di aver visto, qualche anno prima, un paio di bravissimi attori, vecchi e giovani, che non conosceva: era sempre Foà, che recitava sotto falso nome per le leggi razziali. Racconta che ancora adesso gli capita di sognare Mussolini e di svegliarsi prestissimo ricordando di averlo visto, da ragazzo, fiero e impettito a cavallo. Come ha vissuto la discriminazione razziale? «Con un misto di consapevolezza e di incapacità di capire. Poi, studiando le colpe, sono arrivato a giudicare. Ho dovuto soffrire, questo sì, perché non ho mai negato di essere ebreo. Ma lei non capisce...».

Tanti amori, quattro mogli, cinque figlie, Annalisa morta giovane. Un bilancio: ha prevalso il dolore o l'amore? «Direi che ha prevalso l'amore, sì. Ho una tendenza all'amore, non fisico con una donna, ma l'amore per le persone, per gli spiriti, per le personalità, che sono le cose più belle sulla faccia della terra, perché sono diverse l'una dall'altra. Lei è diverso da me. Per fortuna. Mia, ovviamente». Ovvio. Amore tutto terreno, si direbbe, se è vero che la dimensione trascendentale non è mai entrata nel suo panorama mentale, spirituale, neanche in vecchiaia: «L'ateismo non l'ho maturato, mi sentivo ateo fin da ragazzino. Mio padre era religiosissimo quando le cose gli andavano bene, molto meno quando gli andavano male».

Il passaggio da figlio a padre? «Da padre ho capito di essere debole e di non essere importante come avrei dovuto. Me ne vergogno. Non sono stato autoritario. Mi è mancato tutto, non sono un padre, sono un fratello delle mie figlie, un compagno. Non è bello». La fuga alle Seychelles per quattro anni, con il primo governo Berlusconi, è stata raccontata come un esilio politico: dopo aver sofferto il fascismo, gli ex fascisti tornavano al potere... «In realtà decisi di rimanerci, più che di andarci. Mentre l'Europa è un'espressione della civiltà, le Seychelles sono un'espressione della natura, gli uomini somigliano alle piante, agli animali, agli uomini, è un modo di vivere naturale. In Europa si vive artificialmente, devi pensare a chi sei, a cosa pensi, a chi credi.

Belle le Seychelles, belle! Ho fatto un quadro in cui ci sono un uomo e una donna nudi che parlano, non c'è altro, sono veri, tranquilli, non c'è desiderio, parlano... Faglielo vedere, Anna, tiralo giù, che ci vuole?». Negli anni Sessanta Foà fu consigliere comunale per il Partito radicale. La politica oggi? «Mi ha sempre interessato pochissimo. Interessa agli imbecilli, la politica. Se è fatta bene, non chiamiamola politica. Vederla in televisione, poi... mi dà fastidio». Risata. «Adesso ancora più di prima». Nuova risata. «A parte l'amore che ho per Silvio, per quest'uomo meraviglioso, stupendo. Un attore? No, no, c'è una differenza, l'attore cambia, fa diversi personaggi, lui purtroppo ne fa uno solo». Pipa, tosse, nuova risata. «Adesso basta, mi faccia l'ultima domanda e basta». Eccola, l'ultima.

Quanto pesa la vecchiaia? «L'età non mi pesa, la vita sì. Non mia moglie, non il passato. Mi pesano i minori interessi che ho adesso e che prima erano tanti, la pittura, la scultura, la poesia. Per fortuna c'è la musica, Beethoven mi piace da morire. E poi leggo... i libri di Foà... Poesie non ne scrivo più. Anzi, ne ho scritta una bellissima che dice: "Gli anni li compi, ahimè, una volta sola...". E adesso basta». Rimpianti? «Avere accettato questa intervista».

Paolo Di Stefano
31 gennaio 2011